Cominciamo col definire chi è, e cosa fa, il mentalista.

Avete presente la famosa serie TV The Mentalist in cui il protagonista aiuta la squadra investigativa utilizzando le sue doti di mentalista?

Beh scordatevela, quella è una finzione nata per la televisione.

Il mentalista, in realtà, è tutt’altra cosa.

Sul web ci sono molteplici definizioni; semplificando il più possibile potremmo dire che il mentalista è colui che dimostra di avere doti di telepatia, chiaroveggenza, divinazione, un livello di percezione della realtà straordinario, un controllo mentale impressionante e molto altro.

Una persona che riesce quindi ad interpretare i pensieri degli altri, ad indovinare e predire il futuro e a muovere oggetti utilizzando tecniche e trucchi straordinari basati sui poteri della mente.

Mentalisti come fanno

Ma quindi… i mentalisti sono persone dotate di poteri paranormali o utilizzano trucchi da mago illusionista?

Una cosa è sicura: il mentalista non ha nessun potere psichico, è una persona come tutte le altre, che però – alla stessa stregua di psicologi, ipnotisti e medici – ha dedicato molti anni allo studio dei poteri della mente.

Ma non è neanche un semplice mago illusionista perché alcuni risultati che riesce ad ottenere non sono spiegabili tramite trucchi di magia e illusionismo.

E allora, cos’è?!

Mentalista definizione

Potremo affermare che il mentalista è un personaggio dello spettacolo, alla stessa stregua di un illusionista, che utilizza tecniche derivanti dalla psicologia, dall’ipnosi, tecniche di comunicazione e di PNL (Programmazione Neuro Linguistica) e perché no anche trucchi di magia.

Il mentalista è uno psicologo?

No, il mentalista non è uno psicologo, non è un medico, non è un medium e neanche un chiaroveggente. Il mentalista usa un intelligente controllo della mente per dare la percezione di tutto queste cose. E’ uno show man esperto in comunicazione, body language, illusionismo che si concentra sulla percezione mentale e sui processi mentali, capace di attingere alla mente subconscia.

Mente conscia e mente subconscia

Fu addirittura il fondatore della psicoanalisi, Sigmund Freud, neurologo, psicoanalista e filosofo austriaco, che spiegò la differenza che esiste tra la parte conscia e la parte subconscia della nostra mente.

La nostra mente funziona infatti contemporaneamente su due livelli. In uno siamo consapevoli di quello che percepiamo, delle scelte e delle azioni che stiamo compiendo. Nell’altro manca la consapevolezza delle nostre azioni e le decisioni che prendiamo in modo “automatico” derivano da una serie di fattori emozionali e dalla nostra esperienza.

Pensa alla mente come ad un iceberg, dove la parte dell’iceberg sopra l’acqua rappresenta la mente cosciente e la parte nascosta, nettamente più grande, rappresenta la mente subconscia.

Mentalista: psicologia e ipnosi. Mente subconscia.

Per quanto vento ci possa essere in superficie, saranno sempre le correnti sott’acqua che influenzeranno il corso dell’iceberg. Usando questa analogia, possiamo dire che è possibile influenzare il comportamento umano riuscendo ad accedere alla parte della mente subconscia “nascosta”.

Per questo motivo un bravo mentalista deve studiare tecniche di ipnosi perché sono proprio queste che ci aiutano a bypassare la parte della mente cosciente ed accedere alla parte “nascosta”.

La mente conscia

La mente conscia è quella che stai utilizzando in questo momento per leggere queste righe, è quella che ti fa fare i ragionamenti, che ti fa pianificare la giornata di oggi, distingue il presente, il passato, il futuro e fa progetti per i giorni e gli anni a venire.

E’ la sede del tuo pensiero logico, è la mente che ti fa fare delle scelte, che ti spinge all’azione. E’ la mente grazie alla quale decidi di cercare un nuovo lavoro, è la mente che ti fa resistere al lavoro anche se il lavoro non ti piace, è la mente che ti ha fatto decidere di leggere il mio blog.

Poi c’è la mente subconscia che è quella che fa tutto il resto.

La mente subconscia

La mente subconscia presiede e gestisce tutte le funzioni che chiamiamo automatiche o involontarie. La mente subconscia è dove troverai le tue abitudini. È dove si trova il ‘vero te’. Il tuo subconscio controlla come ti comporti, cosa fai e quali sono le tue abitudini.

E’ la mente subconscia che si occupa del ritmo cardiaco, della circolazione sanguigna, della respirazione, dei processi digestivi ecc. La nostra vita biologica è essenzialmente regolata dal subconscio. La mente subconscia è quindi responsabile di certi misteri della nostra vita.

E’ la mente subconscia che ci fa guidare verso casa mentre siamo sovrappensiero, che ci permette di svolgere azioni e reazioni istintive.

Puoi immaginare la mente subconscia come un immenso serbatoio estremamente reattivo che incamera e processa tutte le informazioni che riceve con un unico obiettivo: proteggerci.

Il potere è nella mente

Nella mente subconscia ci sono anche le nostre emozioni e la nostra memoria a lungo termine. Tutto ciò che è accaduto nella nostra vita è registrato qui: tutto ciò che vediamo, suoni, odori, emozioni e sentimenti.

Quello che molti non sanno è che anche se non ricordiamo necessariamente qualcosa, quel ricordo sarà lì. Questi ricordi possono essere sfruttati usando le giuste tecniche per accedere alla nostra parte “nascosta”.

Il segreto del mentalista

La lezione che possiamo imparare dal fondatore della psicanalisi è questa: per quanto possiamo essere razionali, ci sono e ci saranno sempre dei pensieri “sommersi” che ci influenzeranno.

Non è semplice scoprire ciò che rimane sott’acqua, nonostante sia una parte determinante del nostro essere, molto più decisiva di quanto pensiamo.

Il mentalista sa che il subconscio controlla un’alta percentuale dei nostri pensieri e delle nostre azioni, ed è per questo che riesce a compiere azioni che sembrano magiche e/o fuori dal comune.

Come leggere nel pensiero

Vuoi leggere il pensiero?

Se vogliamo imparare a leggere il pensiero dobbiamo innanzitutto essere in grado di interpretare correttamente i segnali del corpo, ovvero il linguaggio del corpo.

Seppur inconsciamente, il nostro fisico può rilevare moltissime informazioni sui nostri pensieri ed i nostri stati d’animo.

Il nostro corpo è un vero e proprio libro aperto sulla nostra mente anche se “leggerlo” è estremamente complesso infatti è stato trovato che il corpo umano è capace di produrre migliaia di movimenti diversi.

Diventare mentalista

Le aree più facili su cui soffermarsi sono:

  • occhi
  • faccia
  • testa
  • postura

Approfondire tutti questi elementi sarebbe troppo lungo per cui mi riservo di farlo in un prossimo articolo.

Vorrei però almeno farvi un esempio di come leggere il pensiero delle persone semplicemente guardandole negli occhi.

“Gli occhi sono lo specchio dell’anima: racchiudono la nostra più intima verità.”

Quando le persone pensano a qualcosa, tendono a muovere gli occhi. Questi spostamenti non sono casuali ma seguono un particolare tipo di processo cognitivo interno.

Cerchiamo di capirlo attraverso un effetto da mentalista.

Gioco di Mentalismo

Prendi tre pezzi di carta (io utilizzo il retro dei miei bigliettini da visita), sul primo scrivi “un quadro famoso”, sul secondo “la tua canzone preferita”, sul terzo “una sensazione dolorosa o molto piacevole”.

Adesso fai estrarre uno dei 3 bigliettini a qualcuno senza che te lo mostri. Chiedigli di pensare intensamente (solo pensare, senza dire nulla) a ciò che è scritto sul pezzo di carta.

Se si tratta del quadro chiedi di immaginare il quadro imprimendo l’immagine nella sua mente, se si tratta della canzone di ascoltare mentalmente la canzone e, nell’ultimo caso, di ricordare la sensazione bella o brutta.

Se i suoi occhi si spostano in alto è molto facile che si tratti del quadro. Se si muovono di lato si tratta della canzone, se vanno verso il basso (alla tua sinistra) si tratta della sensazione.

Facile vero?

Come leggere le persone negli occhi

Leggere nella mente tramite gli occhi, come nell’effetto precedente, è stato possibile grazie alla teoria Eye Accessing Cues (EAC – indicazioni oculari di accesso) ideata da Richard Bandler e John Grinder ideatori della famosa PNL (Programmazione Neuro Linguistica).

Secondo questa teoria è possibile intuire se il nostro interlocutore sta pensando ad un’immagine, ad un suono o ad un’emozione, osservandone semplicemente la direzione dello sguardo.

Mentalista: come leggere le persone negli occhi

Occhi in alto a destra. Secondo la teoria degli EAC se il nostro interlocutore rivolge gli occhi in alto a destra (alla nostra destra), con molta probabilità sta ricordando un’immagine.

Occhi in alto a sinistra. Nel caso in cui la direzione dello sguardo vada, anche se per un breve periodo, in alto a sinistra, l’immagine non viene ricordata, ma viene creata (sta immaginando o si sta inventando una bugia).

Occhi al centro a destra. I movimenti orizzontali degli occhi sono invece legati ai suoni: gli occhi al centro a destra indicano il ricordo di un suono.

Occhi al centro a sinistra. Come per le immagini, se la direzione dello sguardo si muove orizzontalmente verso sinistra, il suono non viene ricordato, ma viene generato.

Occhi in basso a destra. Se gli occhi del nostro interlocutore sono rivolti verso il basso a destra, con ogni probabilità egli sta pensando tra sé e sé, prestando attenzione al suo dialogo interiore.

Occhi in basso a sinistra. Come abbiamo visto, la direzione dello sguardo in basso a sinistra è legata ad un ricordo, un sentimento, una sensazione.

Come diventare mentalista

Ovviamente imparare a leggere il pensiero tramite gli occhi non è sufficiente per ritenersi un bravo mentalista.

Diventare un mentalista

Prima di tutto bisogna chiedersi qual è l’obiettivo che ci siamo posti. Perché vogliamo diventare mentalisti?

Una cosa è pensare di diventare famoso riempiendo i teatri di tutta Europa ed un ‘altra è intrattenere amici e parenti.

Teniamo ben presente che un mentalista professionista non deve “solo” conoscere le tecniche utilizzate per compiere i miracoli mentali ma deve studiare molto bene anche psicologia, comunicazione, ipnosi, teatro, recitazione, PNL, ecc.

Come si diventa mentalista

Ma mentalisti si nasce o si diventa?

Sicuramente ci sono persone che dalla nascita sono più predisposte ma è altrettanto vero che mentalista si diventa con un duro lavoro.

Come imparare il mentalismo

Il miglior modo per cominciare a studiare il mentalismo è, come sempre, attraverso i libri.

Poi cercare di entrare in contatto con un bravo mentalista professionista.

Libri sul mentalismo

Se provate a cercare sul web libri sul mentalismo vi compariranno una marea di risultati fuorvianti e difficilmente troverete quelli che sono considerati i veri testi per diventare mentalista.

Questo per due motivi fondamentali:

  • il mentalismo è un’arte relativamente nuova che non è nata in Italia per cui i libri più importanti non sono scritti da autori italiani
  • i mentalisti sono anche maghi e illusionisti e sanno nascondere bene i loro segreti, quindi bisogna sapere dove cercarli.  

Ma non disperate, sono qui per aiutarvi.

Di seguito troverete una lista di libri sul mentalismo in italiano perfetti per cominciare l’arte del mentalismo e diventare ottimi professionisti.

Libri per diventare mentalista

Mentalista libri

Per l’acquisto e qualsiasi ulteriore informazione su libri di mentalismo in inglese e italiano vi suggerisco di far riferimento a Flavio Desideri, titolare de La Porta Magica di Roma.

Mentalista Milano

Milano è la città delle grandi aziende, degli eventi, delle convention, dei meeting, dei party. Eventi aziendali di ogni tipo, per questo i mentalisti sono molto richiesti a Milano.

Non dimentichiamo che un bravo mentalista riesce ad intrattenere ed animare un evento ma al contempo sa anche lasciare messaggi formativi di cambiamento e miglioramento continuo.

Fondamentale per questo tipo di eventi milano è la conoscenza della lingua inglese, classe ed eleganza.

Mentalista Torino

Torino è la città magica per eccellenza. Torino è la città di Gustavo Adolfo Rol, del noto mentalista Alexander ed è anche la mia città adottiva.

I Torinesi, nei loro salotti sabaudi, amano essere protagonisti ed essere coinvolti in esperimenti di mentalismo abbandonandosi ad ogni sorta di esperimento paranormale senza voler a tutti i costi ricercare una spiegazione.

Per questo motivo sono sempre di più le aziende che a Torino e in Piemonte richiedono per il loro evento un mentalista.

Mentalista Londra

Inserisco come città anche Londra perché è la città dove attualmente vivo. Qui sono conosciuto come The Italian Magician ed è incredibile scoprire sempre di più come il mentalismo è un fenomeno conosciuto ed apprezzato da tutti, in particolare in una città multietnica e multiculturale come Londra.

Sono tantissimi gli eventi a Londra, in particolare quelli che coinvolgono anche gli italiani. Avere un mentalista professionista che parla inglese ed italiano può essere un plus per l’organizzatore dell’evento.

Mentalista contatti

Siamo arrivati alla fine dell’articolo su il mentalista. Se il tuo scopo era saperne di più su questa professione, spero di aver chiarito le tue idee.

Se invece sei alla ricerca di un mentalista, non importa in che città sarà il tuo evento, se Milano, Torino, Firenze, Roma, Napoli o Londra, e neanche il tipo di location e il numero degli invitati.

Il mentalista lavora senza bisogno di grandi attrezzature sceniche, con poche o centinaia di persone, in teatri o semplicemente nel salotto di casa tua.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome qui!